logo
  • Email
    dozza@annadozza.com
  • Telefono
    +39 347 9694157
    • 04 GEN 15
    • 0
    Dietista, Dietologo o Nutrizionista?

    Dietista, Dietologo o Nutrizionista?

    Che differenza c’è tra dietologo, dietista, nutrizionista ed esperto della nutrizione?”

    Questa domanda mi è stata posta una miriade di volte, sicuramente è una domanda più che legittima, considerando la  mancanza di regolamentazione che regna nel mondo delle diete e della nutrizione.

    A prova di questo, basti pensare agli “esperti” in cui ci imbattiamo nelle sedi più varie: palestre, istituti di estetica, internet, riviste di moda ecc… pronti a propinarci diete magiche.

    Colgo l’occasione per fare un po’ di chiarezza.

    Dietologo: è il Medico specializzato in Scienze dell’Alimentazione (scuola di specialità post laurea della durata di 4 anni)

    Competenze: la valutazione clinica, la diagnosi, il trattamento e l’elaborazione delle diete.

    Dietista: è colui che ha conseguito il Corso di laurea triennale in Dietistica, istituito presso la facoltà di Medicina e Chirurgia. Il corso prevede un tirocinio pratico obbligatorio, e, post laurea, l’aggiornamento costante professionale, sono previste sanzioni nel caso non si raggiungessero le ore formative annuali previste.

    Competenze: promuovere la sana e corretta alimentazione per persone sane o malate, elaborare piani dietetici personalizzati per il trattamento dietetico-nutrizionale delle patologie connesse all’alimentazione, compresi i disturbi del comportamento alimentare (bulimia, anoressia ecc..), su prescrizione medica.

    Elaborare razioni alimentari per comunità di sani (mense scolastiche, aziendali, case di riposo, ecc..) o di malati (ospedali, case di cura).

    Svolgere attività didattica ed informativa rivolta ai singoli o a gruppi di popolazione.

    Nutrizionista:il termine Nutrizionista non indica nessuna professione riconosciuta dalla legge.

    Si definiscono nutrizionisti i professionisti provenienti da diversi percorsi formativi (scienze biologiche, agraria, chimica, veterinaria, farmacia, tecnologia agroalimentare) che conseguono una laurea in Scienze della Nutrizione Umana o che frequentano la Scuola di specializzazione in Scienze dell’alimentazione, ma con indirizzo formativo diverso rispetto ai medici

    Competenze: valutare le caratteristiche nutrizionali degli alimenti e delle loro modificazioni indotte da processi tecnologici, promuovere informazione ed educazione alimentare, valutare lo stato nutrizionale di individui o gruppi di popolazione.

    Svolgere attività nell’industria alimentare e del dietetico, nei laboratori di analisi degli alimenti e nelle aziende della ristorazione.

    Attualmente non è riconosciuta la qualifica né per l’elaborazione di diete né per il trattamento dietetico di patologie e situazioni cliniche specifiche.

    Esperto in nutrizione: è la persona che si ritiene tale dopo aver frequentato Master o Corsi di diversa durata, presso Università o Istituti privati, su tematiche inerenti all’alimentazione eo la dietetica.

    Il titolo acquisito è un semplice attestato di frequenza e non una certificazione abilitante all’esercizio della professione.

    In pratica, questa mancanza di regolamentazione, permette ad un laureato in scienza della comunicazione o in agraria o in qualsiasi altra disciplina, dopo un master di primo livello o un corso in nutrizione, di prescrivere diete e ricavarne profitto.

    Fino ad oggi tutto questo è stato legale!

    Ma l’aspetto ancora più grave nasce dall’attuale consapevolezza dell’aumento di numerose patologie: malattie cardiovascolari, ipertensione, obesità, obesità infantile, diabete, alcune forme di tumori, disturbi del comportamento alimentare.

    Tali  patologie sono estremamente correlate all’alimentazione e richiedono un approccio terapeutico nutrizionale altamente qualificato.

    A lanciare questo allarme è stata l’ANDID (Associazione Italiana Dietisti) che, il 16 Gennaio 2014, ha presentato al Ministero della Salute il Libro Bianco, pubblicazione contenente l’elenco dei Master e dei Corsi attualmente presenti, valutandoli e presentandone le incongruenze e le criticità. Questo documento potrebbe già essere una buona base di partenza per giungere ad una legislazione che tuteli adeguatamente gli utenti e gli operatori qualificati

    Leave a reply →

Photostream